Conigli nani
summer_10_2 601.jpg

Caratteristiche

Forse i tipici "dentoni" sono  la caratteristica piu' simpatica  del coniglio:  ma sono anche una struttura altamente specializzata. Gli incisivi sono quattro sopra, anche se ne vediamo solo due, perchè gli altri due, molto piccoli, si trovano dietro, e due sotto: servono a tagliare i fili d'erba in pezzi della giusta lunghezza. I canini mancano completamente: tra gli incisivi e i premolari c'è un ampio spazio, detto diastema.  I premolari e i molari triturano erbe, ma anche radici e cortecce. Tutti i denti sono a crescita continua, in  quanto si consumano durante la masticazione.
Le orecchie sono delicatissime e molto sensibili, riescono a captare il piu' piccolo rumore, lavorando proprio come dei radar. E come radar possono essere orientate in tutte le direzioni, muovendosi separatamente. Ma le orecchie hanno un'altra importante funzione: aiutano a disperdere il calore corporeo in eccesso, esattamente come le grandi orecchie dell'elefante africano. Il coniglio, infatti, non puo' raffreddarsi sudando come noi, e non puo' farlo nemmeno ansimando, come il cane. L'azione di "refrigerio"  è quindi  affidata alle orecchie.
Gli occhi sono molto grandi e posizionati ai lati della testa; permettono una visione panoramica a quasi 180 gradi, per cui il coniglio riesce a osservare senza sforzo tutto cio' che lo circonda e quindi anche ad accorgersi in tempo di un eventuale pericolo, cosi da mettersi in salvo scappando: Davanti al muso, pero' c'è un "punto cieco" e infatti il cibo viene afferratto dalle labbra con l'aiuto del tatto, anzichè della vista. In compenso, nella penombra il coniglio vede molto meglio di noi. Per quanto riguarda i colori, sembra che riesca a percepire il verde e il blu.
Il naso si muove in continuazione, anche quando il coniglio sonnecchia, per annusare l'aria e sentire ogni possibile odore. Va anche detto che i "rapporti sociali" dei conigli selvatici si basano soprattutto sull'olfatto, perchè questi animali si riconoscono attraverso l'odore, e proprio grazie al naso, riescono a muoversi nel folto della foresta senza correre troppi pericoli.
Se consideriamo il senso del gusto, non si puo' certo dire che il coniglio abbia un palato raffinato. Per fare un paragone, prendiamo il cane: nemmeno lui si sofferna molto sul sapore dei cibi che "ingurgita", ma rispetto al coniglio ha un senso del gusto sei volte piu' sviluppato. Un'altra differentza tra noi e il nostro nuovo amico riguarda il labbro superiore, che nel coniglio è diviso in due, come si osserva anche nella lepre (e, infatti, è detto labbro leporino).
Piu' della pelle, gli organi sensibili al tatto sono i peli, e in particolare i lunghi, attentissimi baffi sul muso, chiamati anche vibrisse, come quelli del gatto: Grazie al pelo, il coniglio riesce a "sentire" le dimensioni di una tana o la distanza di un oggetto dal suo corpo.

Carattere

Il Coniglio rappresenta un eccellente animale da compagnia.
Ha un carattere sociale, pertanto cerca spontaneamente la
compagnia delle persone e può stabilire un forte legame affettivo
con il proprietario. E' intelligente e attivo, ama giocare ed
interagire con le persone che lo accudiscono, purchè non
rimanga costantemente rinchiuso in una gabbia e abbia la possibilità
di uscire regolarmente. Spesso può essere educato ad
utilizzare la cassetta per i bisogni, anche se a volte si dimostra
meno preciso e affidabile di un gatto.

 

Alimentazione

E' molto importante fornirgli un'alimentazione corretta, che è costituita da fieno fresco, erba (non bagnata), verdura (asciutta e non fredda di frigorifero; è meglio evitare la verdura e in generale il cibo fresco per i conigli che sono sempre stati nutriti con mangimi secchi), frutta (raramente), pellet (non è indispensabile, ma se si vuole si puo' dare al nostro coniglio un paio di cucchiai al giorno). Sono assolutamente proibiti i dolci, la frutta e la verdura essicata in commercio, il pane e le foglie di alcune verdure (melanzane, pomodori, ecc.). L'acqua viene somministrata attraverdo un beverino a goccia.

Salute e cure

E' importante cambiargli l'acqua tutti i giorni e pulire il beverino almeno una volta alla settimana. Se abbiamo abituato il nostro coniglio a utilizzare la cassetta igienica, dobbiamo cambiarla una volta al giorno, mentre il fondo della gabbia deve essere pulito almeno una volta alla settimana. Quando si fa girare il coniglio per la casa, bisogna sempre controllare che non si faccia male: questi animali amano particolarmente rosicchiare i fili elettrici, e di mangiare piante che abbiamo in casa, che spesso sono velenose, come la stella di Natale, l'edera, ecc.
Bisogna stare particolarmente attenti quando lo si prende in braccio: infatti, dato che i conigli sono molto fragili, cadendo potrebbero rompersi un arto.
I conigli possono soffrire di diverse malattie, per questo è possibile fare delle vaccinazioni.

 

Filtro titolo     Mostra # 
# Titolo articolo Visite
1 American Fuzzy Lop 3704
2 Angora Nano 4710
3 Ariete Cashmire 3766
4 Ariete Nano 7539
5 Britannia Petite 4645
6 Hotot Nano 4313
7 Jersey Wooly 3622
8 Mini Rex 2995
9 Nano Colorato 5210
10 Polacco 3689